web analytics

Se non partecipi produci un rifiuto: questo lo slogan della giornata dedicata alla pulizia delle spiagge e all’educazione ambientale che si terrà domani Venerdì 12 Aprile a partire dalle ore 9 per iniziativa dei balneari del Cilento, area naturale protetta sin dal 1991 in provincia di Salerno e vero luogo di pregio del patrimonio ambientale nazionale, non a caso dichiarato dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità.

Non solo sensibilizzazione sui temi legati all’educazione ambientale e al rispetto del paesaggio costiero, ma un impegno concreto: a precedere l’incontro pubblico dedicato alla discussione sulla salvaguardia e tutela dell’ambiente, con particolare riferimento all’importante tema dell’abbandono della plastica, sarà infatti una vera e propria opera di pulizia delle spiagge per un’insolita ma meritevole sessione di pulizie di primavera. Località prescelta: Cala del Cefalo, una delle più belle spiagge della zona, da tempo protagonista di polemiche e lamentele da parte di residenti e associazioni ambientaliste. La Cala sarebbe infatti da tempo in condizioni di grave degrado, imputabili solo in parte al naturale fenomeno di erosione che ne sta lentamente divorando la costa. A determinare lo stato di abbandono sarebbero più che altro i rifiuti lasciati dai turisti, costituiti soprattutto da plastiche e mozziconi di sigaretta, i continui atti di vandalismo, i cartelloni pubblicitari illegali e la mancata tutela della biodiversità del luogo, che contribuirebbero pesantemente al suo decadimento paesaggistico.

Sono gli stessi organizzatori a descrivere la località prescelta come “un sito di importanza comunitaria dal prezioso e delicato equilibrio ambientale”: queste le parole dell’Associazione Balneari Camerota, che chiama a raccolta con la sua lodevole iniziativa alunni ed insegnanti delle scuole, semplici cittadini, associazioni ecologiste, imprenditori e lavoratori del settore: d’altronde la pulizia e la tutela delle spiagge sono responsabilità di tutti e partecipare attivamente all’iniziativa è un vero e proprio dovere.

Support
Vai alla barra degli strumenti