web analytics

La Puglia fa ancora parlare di sé, e anche stavolta meritevolmente: arriva infatti, dopo il bando alla plastica di cui abbiamo parlato nelle scorse settimane, lo stop alle sigarette.

Succede a Porto Cesareo (LE), località balneare salentina ormai molto amata da residenti e non:  è qui che a partire dal 1° giugno non sarà permesso a nessuno fumare in spiaggia. Sigarette bandite per i villeggianti sia nelle spiagge libere che nelle strutture balneari attrezzate e multe salate con sanzioni fino a 500 euro per i trasgressori.

La Puglia si conferma con quest’ordinanza regione virtuosa e pioniera nella tutela dell’ambiente: i mozziconi di sigaretta costituirebbero infatti, stando ad una recente ricerca, il maggiore agente contaminatore di mari e oceani, superando in fatto di tossicità anche la tanto chiacchierata plastica, della quale sentiamo discutere ben più spesso. Il problema dei mozziconi sembra invece non essere preso altrettanto in considerazione da governi e amministrazioni e della possibilità di riciclare questi ultimi si parla poco, con il risultato che le regolamentazioni al riguardo sono pressoché inesistenti. Eppure i filtri di cui le sigarette sono dotati sono costituiti di acetato di cellulosa, e quindi sempre di plastica si parla: nello specifico, un tipo di plastica che impiega più di un decennio a degradarsi. I fumatori spesso si liberano dei mozziconi in maniera sorprendentemente irresponsabile: c’è chi li getta direttamente in spiaggia, e chi invece passeggiando in città li butta incurante a terra. Da qui finiscono spesso nei tombini e conseguentemente nei corsi d’acqua e nei mari, dove provocano un inestimabile danno ambientale e faunistico: sempre secondo il medesimo studio, se ne trova traccia in percentuali spaventose nei corpi di uccelli marini e tartarughe.

Ovviamente, quando si parla di sigarette e divieti, la discussione non investe solo il piano ecologico, ma anche quello della salute dei cittadini, soprattutto quella di chi ancora troppo spesso si ritrova a dover subire il fumo passivo di un vicino d’ombrellone evidentemente sprovvisto di senso civico e rispetto per il prossimo.

Support
Vai alla barra degli strumenti