web analytics

A distanza di quasi tre mesi dalla legge che ha reso effettiva la proroga di 15 anni per gli stabilimenti balneari in fatto di concessioni demaniali, e dunque dall’eliminazione degli effetti della direttiva Bolkestein con la quale si imponevano delle scadenze volte all’abrogazione del rinnovo automatico dei titoli, è legittimo chiedersi a che punto siamo con l’applicazione della nuova normativa.

È il Sib (Sindacato Italiano Balneari) a fare il punto della situazione fornendo una risposta esaustiva ma scoraggiante: dall’entrata in vigore della legge 145 del 30 dicembre 2018, sono infatti soltanto sette le Regioni che si sono impegnate nell’emanazione tempestiva delle circolari esplicative necessarie ai Comuni costieri al fine di procedere all’applicazione della stessa. Le regioni virtuose sono nello specifico di Abruzzo, Liguria, Emilia Romagna e Puglia, cui si sono aggiunte nelle ultime settimane Calabria e Basilicata. Sarebbe in procinto di adeguarsi anche la Toscana, il cui caso presenta peraltro alcune criticità, mentre le restanti Regioni costiere temporeggiano inspiegabilmente, così come temporeggia il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per quanto riguarda le concessioni demaniali marittime ricadenti nelle aree di competenza delle autorità portuali, ancora non pervenute.

Stando alle parole espresse dal Sib, si tratta di ritardi ingiustificabili: la mancata formalizzazione della norma va fortemente a discapito degli stessi imprenditori che questa norma cercava di tutelare, i quali si ritrovano invece costretti a subire un grave rallentamento nel proprio lavoro, in particolare per quanto riguarda la progettazione di interventi ed investimenti pensati in vista dell’ormai vicinissima stagione estiva 2019. Le circolari per i comuni sono indispensabili per l’applicazione della nuova normativa, e la loro mancata diramazione crea un danno concreto ai titolari degli stabilimenti balneari, i quali si vedono negata così la possibilità di usufruire sia di credito bancario che delle provvidenze regionali.

 

Support
Vai alla barra degli strumenti